9:30/12:30 - 15:30/19:30

Martedì alla Domenica

Via Alpi Centrali 57

Lido degli Scacchi, 44020

+39 0533 380 241

info@immobiliarepozzati.it

Compare Listings

Territorio: escursioni ed itinerari ai Lidi Ferraresi

L’Agenzia Immobiliare Pozzati segnala per voi i migliori itinerari turistici e luoghi d’interesse del Territorio della Riviera Adriatica

Il Territorio: le Valli di Comacchio, il Delta del Po, le città d’arte…

I sette Lidi Ferraresi si trovano nella parte centrale della riviera Adriatica e la loro posizione strategica offre numerose possibilità turistiche alternative alla spiaggia ai turisti che trascorrono le loro vacanze in questo tratto di mare.

La vicinanza con alcune importanti città d’arte come Ferrara, Ravenna e Venezia consente al turista di immergersi nella storia dell’arte e nella cultura. Per coloro che amano uno stretto contatto con la natura incontaminata il Parco del Delta del Po e le valli di Comacchio consentono di effettuare numerose escursioni, immersi nella natura, a cavallo, in bicicletta o in motonave.

Per tutte le possibilità offerte dal territorio l’acquisto di una casa vacanza ai Lidi Ferraresi non solo garantisce la possibilità di trascorrere vacanze sempre diverse ma anche un sicuro investimento che si rivaluta nel tempo!

Delta del Po

A pochi chilometri dalla città si trovano le Valli di Comacchio, 11.000 ht di area salmastra circondata da argini e dossi ricchi di fauna e flora tipica degli ambienti lagunari. Punti particolarmente suggestivi sono la penisola di Boscoforte e le Saline, dove è possibile ammirare una folta colonia di fenicotteri.


Il parco Regionale del Delta del Po
è il più esteso fra i parchi regionali e occupa un’importantissima porzione di territorio dell’Emilia Romagna. Il territorio del parco si articola in sei diverse stazioni, ognuna delle quali caratterizzata da specifiche emergenze naturalistiche, paesaggistiche e storico-culturali.

Il visitatore ha la possibilità di esplorare il parco attraverso svariati itinerari d’unica bellezza, percorribili in auto, in bicicletta o a piedi. Con il traghetto si possono fare bellissime escursioni in barca. Si può ad esempio, raggiungere il faro di Gorino e magari pranzare nel caratteristico ristorantino. Da qui l’”attrazione” più vicina si trova alla vicina Goro, dove esiste uno dei maggiori allevamenti dell’Adriatico di molluschi e ostriche.

Durante le escursioni nel Parco del Delta, possiamo ammirare una flora e una fauna infinitamente variegate, secondo le diverse tipologie ambientali di cui il Parco è ricchissimo. La lavanda marina, il baccherone, la canna, la rarissima ninfea bianca e la genziana acquatica, sono solo alcune delle numerose specie di piante che popolano questi luoghi meravigliosi.
Sulla terra ferma incontriamo il trabuso nostrano e quello americano, il merlo acquatico e l’avocetta monachina, che nidificano tra la vegetazione alta, il canneto è preferito dal martin pescatore, dalla gazzettina canterina e dalla cannoila.

Comacchio, la “piccola Venezia”

A 5 km dalla costa adriatica troviamo Comacchio, la cosiddetta “piccola Venezia” che è il centro storico più originale ed affascinante del Delta del Po.
Erede dell’antica Spina, a lungo contesa da ferraresi e ravennati, da Papi e Imperatori, ha origini antichissime: sorse infatti agli albori del Medioevo su tredici isolotti e fondò esclusivamente sull’acqua il proprio sviluppo urbano ed economico.

 

Pesca, vallicoltura, produzione del sale furono la fonte della sua floridezza e anche dei suoi rovesci, a causa dei conflitti che la opposero a Venezia. Oggi rimane una città dalle caratteristiche architettoniche intatte ed uniche, abitata da gente fiera delle proprie origini e dall’identità forte, una città di canali, di palazzi e di ponti monumentali.

 

Ferrara

Adagiata nel mezzo della Pianura Padana, Ferrara si presenta con l’atmosfera intatta del suo passato, armoniosamente sposata con quella del suo vivace presente. L’immagine più famosa è certamente quella del suo grande Rinascimento, l’epoca dello splendore della corte Estense, che ha lasciato ovunque segni incancellabili: nel colossale progetto dell’Addizione Erculea, negli imponenti cicli pittorici del Quattrocento e Cinquecento e nel Giudizio Universale del Bastianino.
Il centro della città, luogo privilegiato di incontri, animazione e spettacolo, è dominato dalle moli imponenti degli edifici del potere: il Castello Estense, antica fortezza trecentesca poi residenza dei Duchi d’Este nel Cinquecento, e la splendida Cattedrale, armoniosa fusione degli stili gotico e romanico.
Il Castello Estense che spesso ospita mostre di vario genere la Cattedrale in stile romanico con l’annesso museo Palazzo Schifanoia, ricco di sale finemente affrescate tra le quali spicca il Salone dei Mesi.

Ravenna e San Marino

Ravenna è uno scrigno d’arte, di storia e di cultura di prima grandezza, è una città di origini antiche con un passato glorioso e fu tre volte capitale: dell’Impero Romano d’Occidente, di Teodorico Re dei Goti, dell’Impero di Bisanzio in Europa.
Nelle basiliche e nei battisteri della città si conserva il più ricco patrimonio di mosaici dell’sumanità risalente al V e al VI secolo e otto monumenti di Ravenna sono inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
Se Ravenna fu il maggiore centro politico e culturale dell’Occidente nei secoli che accompagnarono il declino della civiltà latina, nondimeno essa offre testimonianze anche di epoche più recenti: dall’archeologia della Domus dei Tappeti di Pietra al vasto porto romano di Classe.

Ci sono sicuramente molti validi motivi per visitare San Marino. milioni di visitatori vi affluiscono ogni anno; la Repubblica è così divenuta non solo uno degli Stati più piccoli del mondo, la Repubblica più antica d’Europa, ma anche lo Stato che, in proporzione ai suoi abitanti, ospita il più grande numero di visitatori.
Milioni di visitatori vi affluiscono ogni anno perché gli amici l’hanno visitata e ne sono rimasti entusiasti, perché è piena di un’incredibile quantità di divertenti negozi dove si trova molto, se non tutto, ed a buon prezzo; perché le sue strette strade e le sue Torri in alto sono molto caratteristiche, perché il panorama che si coglie da questo naturale balcone sull’Italia è di ampio respiro; perché l’ingresso in una frontiera che è discretamente indicata e solo a fini turistici senza passaporto e senza l’«alt» dei doganieri, realizza il desiderio di viaggio all’estero che è presente in ciascuno di noi.